Quale impianto di allarme va bene per me?

I nostri impianti antifurto sono completamente personalizzabili in base alle necessità, ma generalmente funzionano allo stesso modo. La maggior parte degli impianti sono di modulari, ovvero con una centrale d’allarme a cui sono collegati i vari sensori distribuiti nelle varie stanze. Questi sono poi predisposti per rilevare ogni movimento o tentativo di intrusione.

Vediamo alcuni elementi per scegliere l’impianto più adatto alle vostre necessità, per personalizzarlo o potenziarne uno esistente.

 

Protezione volumetrica interna

La protezione volumetrica interna ha il compito di impedire al ladro di raggiungere alcune zone o elementi importanti. Al giorno d’oggi è possibile realizzare una protezione volumetrica parziale, ovvero limitata a una o più zone ben specifiche a seconda delle tue necessità. In una villa, ad esempio, è possibile escludere il piano superiore durante la notte dove è molto improbabile che giunga l’intruso perché dovrebbe ovviamente passare dal piano terra, protetto a sua volta da protezione volumetrica. Nel caso di un appartamento si può invece, ad esempio, escludere una zone dove poter tranquillamente passare quando si è in casa, limitando la protezione ad altre zone che potrebbero essere considerate più interessanti. Un’eventuale intrusione in questa zona farà ovviamente scattare la relativa segnalazione di allarme tramite una serie di sistemi.

I sistemi di protezione volumetrica possono presentare diverse caratteristiche in base all’uso, tra cui:
  • Microonde. Queste sono onde elettromagnetiche ad altissima frequenza. Ogni oggetto in movimento viene rilevato e fa scattare l’allarme. Ci teniamo a specificare che le microonde utilizzate dai sistemi antifurto sfruttano onde ad altissima frequenza e non risultano in alcun modo dannose per gli esseri viventi.
  • Infrarossi passivi. Rilevano la differenza di temperatura in periodo di tempo prestabilito. Risulta quindi scarsamente sensibile alle variazioni ambientali come sole, accensione del riscaldamento o altri fattori.
  • Doppia tecnologia. Sono sensori costituiti dall’unione di un sensore a infrarossi e di uno a microonde. Questo rappresenta l’estrema evoluzione in questo settore in quanto accomuna i vantaggi dei due sistemi. La segnalazione di allarme si verifica esclusivamente se entrambi i sensori forniscono una segnalazione contemporanea, proteggendo quindi dai falsi allarmi.

 

Protezione perimetrale interna

La soluzione più usata è sicuramente la difesa dell’area perimetrale interna. Questa garantisce una protezione non solo nei confronti degli oggetti di valore, ma anche delle persone all’interno della casa. Il suo scopo è quello di impedire agli intrusi di entrare nell’area interna protetta. In passato per difendersi venivano usati metodi tradizionali di difesa passiva, oggi, grazie all”elettronica, abbiamo a disposizione sistemi più sofisticati e in definitiva più sicuri.

Vediamone alcuni esempi:

  • I contatti magnetici. Sono elementi che danno luogo ad un allarme quando le due parti magnetiche si allontanano tra loro. Possono essere applicati a porte, finestre e tapparelle. Il primo elemento (magnetico), senza filo, viene fissato alla parte scorrevole (tapparella, infisso), mentre il secondo, con filo, rimane sulla parte fissa (cassonetto, battente della porta). Quando un intruso proverà ad aprire la porta o la finestra questo sensore farà scattare l’allarme.
  • Le barriere ad infrarossi attivi. Sono costituite da raggi che attraversano l’area di una o più finestre generando, in caso di interruzione, un’immediata segnalazione di allarme.
  • I rivelatori di rottura vetri. Sono costituiti da microfoni che percepiscono le frequenze ultrasoniche, create dalla rottura del vetro.
  • I rivelatori di vibrazione o sismici. Sono costituiti da microfoni che avvertono rumori e vibrazioni anche impercettibili, così raffinati da captare a distanza l’azione della lancia termica. Vengono applicati con la funzione di antisfondamento soprattutto per casseforti e caveaux blindati.
  • Gli infrarossi a tenda. Sono costituiti da un raggio piatto che forma una sorta di muro invisibile (tenda), il cui fa scattare all’allarme. Possono essere applicati a porte, vetrate, finestre, lucernari, ovvero a qualunque possibile accesso dall’esterno.

La protezione perimetrale esterna.

Fanno parte della protezione perimetrale esterna quei sistemi progettati per impedire il solo avvicinamento all’area protetta. Sono adatti soprattutto alla protezione di edifici isolati come case, ville, capannoni industriali ed eventualmente circondati da terreni (giardini, prati, parchi di proprietà). 
Questo tipo di protezione salvaguarda soprattutto l’incolumità fisica e psicologica delle persone all’interno della zona protetta. Da sola però, purtroppo, non basta a preservare i beni contenuti nell’abitazione, poiché una volta superato questo ostacolo, l’intruso non incontrerebbe altri impedimenti davanti a sé.

Sul mercato ci sono tre principali prodotti che appartengono a questa categoria:

  • I volumetrici da esterno. Possono essere a singola e a doppia tecnologia (doppi infrarossi, doppi infrarossi + microonda, doppi infrarossi + doppia microonda)
  • Le barriere a infrarossi attivi. Sono costituite da raggi fotoelettrici tra trasmettitore e ricevitore (disposti su apposite colonne), che creano uno sbarramento ideale che circonda la zona da proteggere. L’allarme viene fatto scattare dal passaggio di un oggetto attraverso questa rete invisibile.
  • Le barriere a microonde. Formano una fascia invisibile di protezione a forma di grosso sigaro (3-4 metri di diametro) che si genera tra trasmettitore e ricevitore, contornando la zona protetta. Anche in questo caso l’allarme viene fatto scattare dal passaggio di un oggetto attraverso questa fascia.

Ma ATTENZIONE! Abbiamo una novità!

Da poco sul mercato è arrivato un nuovo prodotto, stiamo parlando dei nebbiogeni. Questa tecnologia ti consente di proteggere immediatamente gli oggetti di valore spargendo nella stanza una bianca e impenetrabile nebbia. In pochi secondi risulta impossibile vedere la propria mano. Ladri o vandali vengono immediatamente spaventati e disorientati e fuggono da dove sono entrati. Non hai quindi la necessità di attendere Polizia o vigilanza.

La nebbia blocca gli intrusi in pochi secondi!

Un sistema nebbiogeno è una vera protezione attiva, che interviene immediatamente e previene furti e atti di vandalismo.

 

Astral ti offre la possibilità di installare un impianto di antifurto completamente personalizzato per le tue esigenze.

Puoi contattarci per ottenere una consulenza per la sicurezza della tua casa chiamandoci al numero 0721-860-240, scrivendoci a amm@astral-sistemi.it oppure utilizzando il modulo nella nostra sezione Contatti.

Astral, la miglior scelta per la sicurezza della tua casa.

Categorie: Antifurto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *